Famiglia con bimbo assalita dai banditi sulla litoranea buia: salvi dopo inseguimento sino a Iaddico


Una famiglia con bimbo piccolo è sfuggita la notte scorsa a un drammatico tentativo di rapina, con inseguimento, iniziato sulla litoranea nei pressi di Punta Penne e conclusosi al santuario di Iaddico. L’assalto è andato a vuoto solo per le capacità e al sangue freddo del conducente, un commerciante brindisino.
E’ accaduto intorno all’una della scorsa notte. La famiglia era uscita dallo stabilimento balneare Oktagona, dove aveva trascorso la serata, e in auto si stava dirigendo verso la strada dell’ian per fare rientro a Brindisi. Ma poche decine di metri più avanti una Bmw serie 1 con tre persone a bordo, incappucciate, ha superato l’auto e si è messa di traverso per bloccare la strada.
Sono stati attimi di terrore puro per la famiglia. Il conducente, che ha una certa esperienza di guida veloce partecipando a gare dilettantistiche in moto, è riuscito a evitare il blocco e ha proseguito sperando che i banditi desistessero. Ma quelli hanno rimesso in moto l’auto e si sono lanciati all’inseguimento.
La famiglia ha percorso la strada dell’Iam e poi ha imboccato lo svincolo verso nord immettendosi sulla statale. Solo dopo diversi chilometri, all’altezza del santuario di Iaddico, i malviventi sono stati seminati.
Il commerciante ha presentato denuncia in questura e la polizia ha avviato le indagini. Il tentativo di rapina è stato favorito dalla situazione di buio quasi totale in cui versa la strada provinciale 41 che costeggia gli stabilimenti balneari brindisini.
Ovviamente sotto choc tutta la famiglia. Per fortuna se la sono cavati tutti con un grandissimo spavento.

Ultima modifica: 13 luglio 2018



Partecipa alla conversazione

Partecipa alla conversazione