La “Giornata della custodia del creato” a Torre Guaceto | VIDEO

Organizzata dal Consorzio di Gestione e dall’ufficio per la pastorale sociale della Diocesi di Brindisi-Ostuni, si è svolta a Torre Guaceto la 12esima “Giornata della custodia del creato” ha permesso a quanti non conoscevano affatto o non abbastanza approfonditamente la realtà protetta, di approcciarsi ai suoi ambienti e ai suoi animali in un modo nuovo, attraverso l’abbraccio della fede.
Per una volta, gli utenti hanno potuto contare su una guida d’eccezione, quella spirituale dell’Arcivescovo di Brindisi-Ostuni S.E. Mons. Domenico Caliandro.
Dopo una breve escursione a piedi, la gente accorsa per l’evento ha vissuto l’emozione della liberazione di una delle tartarughe recuperate in difficoltà lungo la costa e curata presso il nostro Centro Recupero Tartarughe Marine “Luigi Cantoro”.
L’animale ha potuto raggiungere la libertà in mare accompagnata dagli applausi della gente e in onore dell’Arcivescovo gli è stato dato il nome di Domenico.
A seguire, monsignor Caliandro ha celebrato la messa all’ombra della torre aragonese, concelebranti don Mimmo Roma e don Paolo Zofra, presenti padre Michele Carriero e don Luigi Mogavero.
“Siamo amministratori, non padroni della nostra casa – ha detto l’arcivescovo ai fedeli durante l’omelia – tutto ciò che abbiamo ci è stato dato in dono da nostro Signore. Abbiamo ricevuto un grande dono, non dobbiamo essere egoisti e cercare di modificare la nostra Terra, così distruggiamo il dono che il Signore ci ha dato come casa. Dobbiamo conservare il dono di Dio così come la vita. Dobbiamo vivere con il cuore libero, così come San Francesco D’Assisi, vivere tra tutte le creature del Signore. Aprite il cuore, non possiamo dare ai nostri figli un mondo rovinato, conserviamolo e rispettiamolo”.
E’ stata una messa unica del suo genere, un inno alla Natura e alla vita in tutte le forme in cui si manifesta e nessuna cornice sarebbe potuta essere più adatta di quella della Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta di Torre Guaceto per la celebrazione di una giornata di questo tipo.
A conclusione dell’evento, c’è stato un momento dedicato all’osservazione delle stelle a cura della cooperativa Thalassia, durante il quale una guida astrofila ha raccontato agli utenti della ricchezza del cielo e dell’incontro tra fede e scienza.

Ultima modifica: 18 settembre 2017