Lunedì, 01 Settembre 2014

Venerdì, 27 Dicembre 2013 20:34

Brindisi, rapina alle Generali, colpaccio dei banditi: di 5mila euro il bottino

Da una delle tante, troppe rapine del periodo, quella alle Assicurazioni Generali delle 17,30 di oggi si trasforma in un colpaccio: dopo la quantificazione del danno, si è stabilito che i due banditi sono fuggiti con un bottino di 5mila euro. I soldi li ha consegnati loro direttamente il titolare dell'agenzia Vincenzo Calbretti, cui uno dei due rapinatori con il casco integrale sul capo ha fatto intendere di avere una pistola nascosta nella tasca del cappotto. Arraffato quello che c'era da arraffare, la coppia - immortalata dalle telecamere della vicina gioielleria Anna Longo - è fuggita a piedi fino in via De' Terribile, dov'è montata su uno scooter Aprilia Scarabeo prima di far perdere le proprie tracce. 

Un colpo ardito, quello alle Generali, se si considera che l'agenzia sorge in pieno centro a due passi da palazzo di città. Il colpo, adesso qualificabile come colpaccio, di qualcuno che probabilmente già sapeva di trovare tutti quei soldi a quell'ora e in quel posto, dato che prendere di mira le assicurazioni non è usuale. La prima volta, questa, che accade dal primo ottobre a oggi in provincia di Brindisi, dove l'elenco di rapine e spaccate sale a quota 52: circa una ogni due giorni.

Una media preoccupante e altissima, specie tenendo conto che nel novero non sono compresi altri reati predatori quali furti, furti d'auto e in appartamento e scippi, anch'essi purtroppo molto diffusi. Professionisti o alle prime armi, i rapinatori si fanno sempre più temerari, come dimostrano le recenti azioni ai danni di esercizi commerciali dislocati in prossimità del carcere e, per l'appunto, quello di stasera nel cuore del capoluogo, normalmente presidiato da vigili e forze dell'ordine. 

Ultimi da