Inchiesta sul Tribunale fallimentare, Alparone: “Non mi è stato contestato alcun reato”

Dal commercialista Gianluca Alparone, riceviamo e pubblichiamo la seguente nota.

In data odierna alcuni organi di informazione hanno diffuso la notizia di un mio coinvolgimento nei reati di corruzione e concussione nell’ambito di procedure concorsuali e fallimentari; in ordine alle stesse ritengo opportuno chiarire che non mi è stato contestato alcuno dei suddetti reati e che non ho mai avuto incarichi nell’ambito di procedure concordatarie o fallimentari riguardanti società presso la Sezione Fallimentare del Tribunale di Brindisi.
Mi riservo di dare incarico al mio difensore al fine di tutelare la mia immagine nelle opportune sedi legali.
Approfitto per esprimere solidarietà alle altre persone citate negli indicati articoli, tra cui anche colleghi, conoscenti e amici, certo della loro estraneità rispetto ai fatti contestati.
Gianluca Alparone

Ultima modifica: 15 luglio 2017