Due spaccate a Brindisi e San Pietro: la polizia recupera la refurtiva e le armi

Gran parte dei capi d’abbigliamento griffati rubati nelle scorse notti in due negozi di Brindisi e San Pietro Vernotico con il metodo della spaccata sono stati recuperati dalla polizia in un casolare alla periferia sud del capoluogo. Sequestrati anche un fucile calibro 12 con serbatoio rifornito di cartucce e una pistola scacciacani.
I due furti si erano verificati a distanza di una notte l’uno dall’altro con identica modalità: i ladri avevano utilizzato una Fiat Panda come ariete, nella notte tra giovedì e venerdì presso il negozio d’abbigliamento giovanile Black Sheep di corso Umberto a Brindisi e in quella successiva in una boutique di San Pietro Vernotico in via Brindisi. In quest’ultimo caso i banditi avevano fatto fuoco con un fucile contro l’auto dei vigilantes che erano intervenuti quando era scattato l’allarme.
Indagando sui due episodi, le Unità Falchi della Squadra Mobile, insieme agli uomini dell’Antirapina e delle Sezioni Antidroga e di Contrasto al Crimine Diffuso, hanno effettuato un controllo in un casolare abbandonato sulla litoranea salentina a sud di Brindisi.
Qui hanno recuperato le armi, tra cui il fucile probabilmente utilizzato per sparare contro le guardie giurate a San Pietro Vernotico e numerose grandi buste di cellophane colme di capi di abbigliamento che recavano ancora le targhette di produzione e i prezzi di vendita al dettaglio. Si è così risaliti facilmente alla provenienza della merce, rubata nelle ore precedenti nei negozi di Brindisi e San Pietro.
La merce è stata restituita ai legittimi proprietari mentre le armi sono state affidate al laboratorio di polizia scientifica per tutti gli accertamenti balistici e l’individuazione di eventuali impronte.