Nella discoteca venti dipendenti “in nero”: multa e sospensione dell’attività

Venti persone lavoravano in nero all’interno di una discoteca sul litorale nord di Brindisi: lo hanno scoperto i carabinieri della stazione di Ostuni che hanno effettuato un blitz notturni insieme ai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brindisi e del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Taranto.
I carabinieri sono entrati in azione durante una serata musicale, questa volta non per uno dei frequenti controlli antidroga tra i presenti ma per verificare la situazione contrattuale del personale che lavorava all’interno del locale.
Sono stati così identificati venti dipendenti della struttura che erano impiegati in neto, diciannove dei quali originari della provincia di Brindisi.
Il titolare della struttura è stato multato per oltre 37mila euro con conseguente sospensione dell’attività sino alla regolarizzazione dei dipendenti.
I carabinieri hanno anche rilevato la mancata affissione della cartellonistica riportante i divieti di fumo e le tabelle relative ai tassi alcolemici e alla sicurezza stradale che dovrebbero essere esposti per norma.