Sparatoria e incendi: quattro fermi dei carabinieri per tentato omicidio

Nel pomeriggio di ieri, in Fasano, in quella località “Signora Pulita”, i Carabinieri della locale Compagnia, supportati durante la fase esecutiva da quelli del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Brindisi, delle Aliquote di Pronto Intervento antiterrorismo della Compagnia di Brindisi, nonché dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia di Jacotenente (FG) e da un velivolo del Nucleo Elicotteri di Bari, hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto del pm della Procura della Repubblica di Brindisi, Giovanni Marino, 4 pregiudicati del luogo, ritenuti responsabili – a vario titolo e in concorso fra loro – di
dal tentato omicidio, al porto abusivo di armi clandestine, esplosioni pericolose, danneggiamento seguito da incendio e danneggiamento aggravato, rapina aggravata dalla violazione di domicilio, rissa e lesioni aggravate.
I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che avrà luogo oggi presso il Comando Provinciale di Brindisi.
In particolare, tre dei soggetti – resisi irreperibili nell’immediatezza del raid e datisi alla fuga alla vista dei carabinieri- sono stati sorpresi all’interno di un isolato casolare di campagna, mentre il quarto, libero vigilato, è stato rintracciato presso il proprio domicilio.
Nascosta sotto una pietraia, è stata rinvenuta una pistola (marca illeggibile, probabilmente provenienza est Europa) cal. 7.65 con matricola abrasa e 5 colpi in serbatoio, perfettamente funzionante, promanante forte odore di cordite, nonché una ventina di grammi di marijuana suddivisi in tre buste, rinvenute in un mobile della cucina del citato fabbricato.