Brindisi, tumori professionali: lo Spesal al lavoro per monitorare e prevenire

Si è svolta nei giorni scorsi nella Sala Conferenze dell’Ordine dei Medici di Brindisi la terza giornata di formazione sui tumori di origine professionale nel territorio provinciale, con l’obiettivo di approfondire le tipologie di patologie neoplastiche, il ruolo del Goip (Gruppo operativo interdipartimentale permanente) per il monitoraggio e la prevenzione dei tumori, gli obblighi certificativi dei medici.
Il responsabile scientifico del corso, dottor Nicola Dipalma, direttore del Servizio di Prevenzione e Sicurezza ambienti di lavoro (Spesal) della Asl Brindisi, ha invitato “tutti i colleghi a segnalare le malattie professionali e in particolare i tumori professionali”, giacché segnalare consente di conoscere le dimensioni del problema e, una volta studiate le dimensioni del problema e rilevati i settori lavorativi in cui è più alta l’incidenza di queste patologie, attuare politiche di prevenzione e non solo di mera repressione.
Il tessuto industriale della provincia brindisina ha evidentemente un impatto importante sui casi di tumori professionali, così come confermano i dati epidemiologici, relativi a patologie tumorali, forniti dall’Inail: “Il nostro compito sarà quello di ridurre il carico di malattia dovuto a cattivi sistemi di prevenzione”, sottolinea Dipalma.
Senza Colonne è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui  per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.