Shopping ma senza pagare, arrestate quattro donne

Le donne, si sa, hanno un debole per lo shopping ma quattro di loro avevano pensato bene di andare per negozi a Oria e pigliare abbigliamento di vario genere, materiale di cancelleria, generi alimentari e detersivi, ma senza passare dalla cassa e pagare. In flagranza di reato, ieri sera, sono state tratte in arresto dai carabinieri della stazione di Oria guidati dal comandante Roberto Borrello, con l’accusa di furto aggravato: Anna Tomai di 31 anni, Marilena Marchetti 51enne, Vincenza Pignatelli di 48 anni e Francesca Lomancino di 21, tutte di Taranto.
Spesa per la casa moltiplicata per quattro e un bel po’ di merce da tenere stipata in cantina, pensando bene, anche, visto l’arrivo della nuova stagione di iniziare a fare il cambio dell’armadio con nuovi capi d’abbigliamento. In più, a una settimana dall’inizio dell’anno scolastico, le quattro donne, avevano prelevato, dai due negozi visitati in città, astucci per la scuola, diari e matite della Juventus (magari avranno i figlioletti tifosi della Juve) e diverso materiale da cancelleria. Le donne a bordo di un’autovettura sono state fermate per un controllo dai carabinieri della locale stazione e a seguito di una perquisizione veicolare è stata rinvenuta la refurtiva per un valore complessivo di 800 euro circa che è stata, succesivamente, restituita ai legittimi proprietari.
Alle arrestate, il pm di turno presso la Procura di Brindisi, ha concesso gli arresti domiciliari.

Maristella De Michele