Il risarcimento alle vittime del Morvillo se lo prende il Fisco: bloccato il patrimonio di Vantaggiato

Bloccati i soldi per il risarcimento del danno. Il dramma del Morvillo Falcone, con la vita di Melissa distrutta e quella di altre sue compagne di scuola segnata per sempre vive una sua appendice paradossale: lo Stato, quello che dovrebbe tutelare le vittime, attraverso il suo farraginoso meccanismo burocratico, mette i sigilli al cospicuo patrimonio dell’imprenditore Giovanni Vantaggiato attraverso la siua diramazione più temuta: Equitalia.
Accade che, tra i vari reati commessi dall’assassino di Melissa, c’è anche quello dell’evasione fiscale.
Mentre gli inquirenti seguivano il percorso dell’uomo fino al momento in cui pigiò sul telecomando per far saltare la bomba davanti all’ingresso del Morvillo, hanno scoperto che egli aveva accuratamente nascosto gran parte dei suoi beni al Fisco.
L’inchiesta parallela ha dunque fatto il suo corso ed è arrivata alla conclusione con il mandato a Equitalia di recuperare tutti i soldi che, negli anni, Vantaggiato ha nascosto al Fisco. Oltre ai conti in banca e agli immobili, 400 mila euro in titoli azionari già venduti e il famoso yacht, che finora nessuno ha voluto comprare, e che l’imprenditore comprò per un miliardo di lire. Ora tutto è stato bloccato da Equitalia.

Secondo le indagini fiscali la sproporzione tra i redditi dichiarati da Vantaggiato e i beni del suo patrimonio si è accresciuta nel tempo toccando la cifra massima di un milione di euro nel 2004. Appurata l’irregolarità, il fisco è creditore privilegiato e se il ministero dell’Intero non istituirà una corsia preferenziale e il governo non interverrà direttamente, il risarcimento alle vittime non verrà mai elargito.

In attesa del processo d’Appello, che inizierà a maggio, la corte d’assise di Brindisi aveva sentenziato, oltre all’ergastolo, un risarcimento danni di 400 mila euro a testa ai genitori di Melissa, 200 mila euro per le ragazze ferite in modo più grave, 100 mila euro per una sesta ragazza ferita e 200 mila euro per la Regione Puglia.
Ma il denaro e i beni di Vantaggiato rischia di prenderseli il Fisco, ossia quello stesso Stato che dovrebbe garantire alle vittime del Morvillo almeno un risarcimento economico, visto che le altre ferite non potranno mai essere guarite.