Ergastolano spara ed evade dal “Fazzi” di Lecce durante una visita: ferito gravemente un agente penitenziario. Caccia all’uomo tra Lecce e Brindisi

Un detenuto ergastolano è fuggito dall’ospedale Vito Fazzi di Lecce dove era stato accompagnato da agenti della polizia penitenziaria per accertamenti sanitari.  Si chiama Fabio Antonio Perrone, condannato al carcere a vita per l’omicidio di Fatmir Makovic, 45enne e del tentato omicidio del figlio 16 enne, nella notte tra il 28 e il 29 marzo, a Trepuzzi.
Uno degli agenti di polizia penitenziaria è rimasto gravemente ferito e ora lo stanno operando d’urgenza.
L’evaso è scappato rapinato un’auto che si trovava nel parcheggio.
Mentre lo stavano sottoponendo a un esame endoscopico nel reparto di Chirurgia, al terzo piano del nosocomio, il 41enne si è impossessato della pistola di un agente, ha esploso dei colpi e ha guadagnato l’uscita dall’edificio.
Ha puntato l’arma contro una donna portandole via l’auto, una Yaris. Gigantesca caccia all’uomo tra le province di Brindisi e Lecce.