Ostuni, verso le elezioni tra alleanze e primarie

di Adele Galetta per il7 Magazine

C’è fermento nella Città Bianca in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera. Partiti, movimenti civici e nuove espressioni politiche si stanno organizzando per dare vita alle squadre ma, soprattutto, per individuare, nei vari schieramenti, il candidato sindaco ed aggiudicarsi, così, il consenso del popolo.
Ad aver già sciolto le riserve e tornare alla carica con l’intento di guidare, nuovamente, la città l’ex primo cittadino, già Consigliere Comunale e Provinciale e Presidente della Provincia di Brindisi, l’Avv. Domenico Tanzarella, a capo di un coordinamento di sei liste.
“Questa città ha la necessità di un progetto che le assicuri stabilità ed affidabilità, ed una guida autorevole. Dobbiamo avere la forza di cedere quote individuali di piccole e grandi aspirazioni personali, omettendo grandi e piccoli interessi che caratterizzano le lobby di questa città per cederle in favore del valore collettivo e per le esigenze dell’intera comunità – ha dichiarato Tanzarella – ho accettato la richiesta che mi è giunta da parte di tutte le forze politiche che fanno parte del coordinamento e da numerosi cittadini e confermo – conclude – che le mie liste saranno formate da giovani e donne, con competenza e professionalità per far tornare la città di Ostuni ad essere un punto di riferimento a livello provinciale e regionale”.
Sul fronte del centrosinistra, invece, si cerca una soluzione che possa evitare divisioni tra il Partito Democratico ed altri movimenti dell’area.
Se da un lato, però, il PD rimane fermo sul nome di Angelo Pomes e “Rigenerazione” continua sulla linea di Giuseppe Tagliente, proprio dal Partito Democratico potrebbe arrivare, nelle prossime ore, una duplice soluzione: o indire le primarie ( non gradita da tutti, Rigenerazione in primis) o presentare un sondaggio tra i cittadini per la scelta del nome.
L’unico, sembra, a non condividere le scelte del Partito Democratico è l’ex presidente del consiglio comunale Angelo Melpignano ( che insieme ad altri esponenti lamenterebbe il ritardo sulla scelta del nome) che sta valutando ora se sostenere comunque l’eventuale centro sinistra ostunese o portare avanti un progetto di sole liste civiche, provando a trovare spazio non solo in quell’area.
Da “Ostuni Popolare”, invece, gli ex consiglieri comunali Giuseppe Bagnulo, Tommaso Moro, Massimo Saponaro e Guido Milone, vorrebbero proporre, almeno, due nomi di esponenti della società civile per far nascere la nuova coalizione, con la speranza di incontrare il gradimento dei democratici.
Nella coalizione che si sta formando in queste ore, potrebbero entrare anche l’ex consigliere comunale Luca Cavallo e l’ex presidente del consiglio Ernesto Camassa con il loro movimento civico Noi Ora.
Se non dovesse trovarsi l’accordo, le parti andrebbero avanti con singoli progetti.
Intanto, è ufficialmente partita la campagna elettorale all’interno del centrodestra, che si prepara alle primarie del 17 marzo, e che vede protagonisti l’avvocato Guglielmo Cavallo e l’avvocato Giovanni Zaccaria.
Il primo sostenuto da Forza Italia, Direzione Italia, Partito delle Aziende, il Popolo della Famiglia e Obiettivo Comune. Mentre l’avvocato Zaccaria è supportato da Ostuni Futura, Ostuni Tricolore e Fratelli d’Italia.
Non pervenuta la candidatura dell’ex sindaco Gianfranco Coppola che aveva riaperto la porta ad una possibile candidatura alle primarie di coalizione, proprio nella sua conferenza stampa di fine mandato.
Una sola lista, nessuna coalizione eterogenea e trasversale per racimolare consensi o condizionare l’elettorato e nessuno che imponga dall’alto il candidato sindaco: queste le condizioni principali del Movimento penta stellano ostunese che, già qualche mese fa, ha proposto alla cittadinanza un questionario per individuare le tematiche più sentite ( disponibile per la compilazione sulla pagina Facebook) ricevendo centinaia le risposte e suggerimenti importanti per stilare un programma elettorale.
“Siamo aperti alle candidature di tutti quei cittadini che condividono la nostra visione e che sentano propri i principi e i propositi del Movimento 5 Stelle – continuano i rappresentanti del movimento – chiunque può prendere contatti con noi attraverso la pagina Facebook “Ostuni 5 Stelle”, partecipando alle riunioni, ai banchetti o ai convegni che organizziamo sui vari temi che coinvolgono la cittadinanza e che pubblicizziamo di volta in volta attraverso i social media e la stampa. Stiamo raccogliendo con entusiasmo le istanze ed il contributo di numerosi stimati cittadini, di professionisti estremamente competenti nei vari settori, imprenditori e commercianti, ognuno dei quali sta conferendo il proprio apporto alla scrittura del programma che presenteremo alle prossime elezioni. Ostuni ha bisogno di andare avanti con giovani validi, capaci e onesti che mettano le loro competenze a servizio della propria comunità. Questo è il nostro obiettivo, non abbiamo secondi fini oscuri e, soprattutto, siamo completamente slegati dagli “impicci” di palazzo. I dispetti, le ripicche, le competizioni tra chi detiene per più tempo il potere nella città, sono lontani dal nostro modo di concepire e di fare politica. Vogliamo fare il bene dei cittadini offrendo un programma elettorale efficace e una lista di persone serie da sottoporre al volere del popolo. Il resto non ci interessa.”