Lopalco: “Potremmo diventare zona gialla, ma il libera tutti è pericoloso”

«Stiamo aspettando la decisione del ministero, siamo in una situazione intermedia con molti indicatori che migliorano, primo fra tutti l’Rt che è sotto l’1. Siamo in situazione di compressione della curva dei contagi» e «i numeri potrebbero far diventare» la Puglia «gialla». Lo ha detto l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, intervenendo a Un giorno da pecora su RadioUno. «Da assessore alla Salute – ha aggiunto – preferirei restare in zona arancione perché ho il terrore del liberi tutti. Il problema è il messaggio comunicativo, bisogna fare attenzione a non far passare il messaggio che essere in zona gialla significa che non c’è più pericolo».
Per le feste di Natale, in Puglia potrebbero tornare «decine di migliaia di persone» e se il rientro dovesse avvenire «in maniera incontrollata», cioè «troppo velocemente e concentrato in pochi giorni», potrebbe «rappresentare un pericolo»: ha spiegato Lopalco.
«Se i rientri saranno cadenzati – ha proseguito l’assessore – saranno gestibili. Abbiamo calcolato che a marzo sono rientrate 30mila persone in Puglia, a Natale potremmo avere numeri simili». Per questo motivo, la Regione sta pensando a introdurre nuovamente, come accaduto a marzo e in estate, il «sistema dell’autosegnalazione», ha annunciato Lopalco. «Devo dire – ha aggiunto – che quel sistema ha funzionato, potremmo ripeterlo. Magari chi si auto segnala potrebbe prenotare contemporaneamente il tampone rapido da fare in uno dei tanti ‘drive through’ che ci sono in Puglia». Il consiglio di Lopalco, però, «è di spostare i festeggiamenti in momenti migliori», perché anche se nelle prossime settimane la situazione sarà migliore «il virus comunque non sparirà».



In questo articolo: