Omicidio del 19enne: indagati un minorenne e un maggiorenne

Svolta nell’inchiesta sull’omicidio di Paolo Stasi, il 19enne ucciso sotto casa a Francavilla Fontana: un minorenne e un maggiorenne, entrambi del posto, sono indagati per il delitto. I due sarebbero giunti su uno scooter vicino casa della vittima che li attendeva sotto l’uscio: il maggiorenne avrebbe fatto fuoco per due volte. L’omicidio sarebbe avvenuto per futili motivi.
L’inchiesta, condotta dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi e della compagnia di Francavilla Fontana, è coordinata dal pm Giuseppe De Nozza e ora coinvolge anche la procura per i Minori di Lecce.
Nei confronti dei due indagati ci sarebbero due aggravanti pesantissime: quella della premeditazione e quella dei futili motivi. I due, il 9 novembre scorso, avrebbero deciso di uccidere Paolo Stasi per una questione banale e lo avrebbero attirato sotto casa. Questo emergerebbe dalle verifiche effettuate dai carabinieri sul telefonino e sul pm della vittima che sarebbe stata convinta a scendere sotto casa, in via Occhi Bianchi, nel centro di Francavilla Fontana.
I due presunti omicidi sono per il momento indagati a piede libero ma se la pista è quella giusta a breve potrebbe esserci una svolta ulteriore alle indagini.