Se il mondo potesse essere a colori

“Dipingerò i tuoi occhi solo quando conoscerò bene la tua anima” , lo dice Modigliani alla sua Jeanne nel celebre film di Mick Davis, e dipingerà poi un ritratto in bleu con gli occhi ben grandi… I colori sono emozioni dell’anima, colori diversi esprimono emozioni diverse. Come sarebbe bello se a scuola gli insegnanti dicessero :”Adesso chiudete gli occhi rilassatevi e immaginate… un arcobaleno ….. ……questo sarebbe bello”, si potrebbe insegnare attraverso l’immaginazione e non attraverso una passiva memorizzazione. I ragazzi sarebbero stimolati a tirare fuori la loro intuizione , la loro capacità di vedere avanti e di immaginare le cose che non sono ancora percepibili o concepite.

I ragazzi sono maestri dell’immaginazione, ma è proprio questo che il nostro sistema scolastico combatte, nel presupposto sbagliato che educare un bambino significhi allontanarlo dal mondo dell’immaginazione e costruirgli invece un Io razionale rinforzato. I colori fondamentali che dovrebbero essere amati da tutti sono quattro, essi sono: Il rosso, il giallo , il verde e il blu. Questi colori dovrebbero essere amati e desiderati da tutti, perché essi, secondo Max Luscher sono colori fondamentali. Una persona che ama questi colori ed ha un rapporto armonioso ed armonico non è mai una persona stressata , in tensione , ma vive un sereno stato di pace interiore.

Questo lo possiamo verificare su noi stessi e sui nostri stati d’animo: se siamo tristi tendiamo a vestirci di scuro, invece quando siamo sereni o allegri tendiamo a vestirci di colori chiari. L’abbigliamento, il trucco, l’arredamento sono spesso nei colori la rappresentazione degli stati d’animo, per cui in una fase depressiva troveremo l’uso di colori scuri che al termine di un percorso psicologico riuscito potremo veder sostituiti da colori diversi. A volte una sciarpa gialla è solo una sciarpa gialla, ma a volte è qualcosa che riscalda, rallegra, scioglie la catena del disagio. J.W. von Goethe con il saggio “Della teoria del colore”(Tubinga 1810), rimarcò gli elementi soggettivi e sentimentali del fenomeno cromatico; Kandinskij espose le sue teorie sul colore sottolineando l’inscindibile legame tra l’opera d’arte e la dimensione spirituale di chi la osserva, sosteneva che il colore potesse influenzare lo spettatore producendo un effetto fisico o psichico che si serve della forza fisica primaria per raggiungere l’anima. Il colore è la percezione visiva determinata dalle onde elettromagnetiche riflesse dai corpi. Ma una definizione non può spiegare la complessità degli effetti che i colori hanno su di noi.

Questo lo possiamo ottenere attraverso il rilassamento guidato o il rilassamento immaginativo, le parole guida dovrebbero essere: trovo un posto comodo, respiro lentamente poi espiro lentamente concentrandomi solo sul respiro, visualizzo un bellissimo arcobaleno….mi immergo nei colori dell’arcobaleno , il mio rilassamento diventa sempre più profondo. Incontro il colore rosso..rosso come il fuoco. Come un tramonto, sento il calore del fuoco su tutto il mio corpo…. Poi lascio il colore rosso ed incontro il colore giallo , mentre il mio rilassamento diventa sempre più profondo. Giallo come le spighe di grano in estate, come il sole mi lascio invadere dal giallo, poi lascio il giallo e vado incontro al colore verde. Visualizzo un prato verde, un bosco , sento l’odore dell’erba appena bagnata dall’acqua e il mio rilassamento diventa sempre più profondo. Alla fine vado incontro al colore blu. Blu come il mare , come una notte stellata il mio rilassamento è completo, sono in uno stato di tranquillità di quiete, posso restare in questo stato fin quando lo desidero…..I colori sono dotati di un particolare carattere in grado di influenzare, realmente o metaforicamente, azioni, reazioni, associazioni, preferenze.

Essi divengono un valido mezzo di comunicazione interpersonale ed interculturale; hanno un’importanza e una risonanza interiore interagendo con la storia personale di ognuno. Il mondo in cui viviamo è caratterizzato da un’infinita gamma di colori ai cui estremi troviamo il blu scuro della notte e il bianco accecante della luce. Infatti le persone dotate di una forte razionalità e di una razionalità interiore hanno difficoltà a lasciarsi andare e a guardare con gli occhi di bambino gli spettacoli che la natura ci offre. Le persone stressate, preoccupate trovano delle difficoltà a sognare ad occhi aperti, ad abbandonarsi ai voli della fantasia. L’esercizio è indicato proprio per queste persone. Nella società attuale si adottano modelli inadeguati alla situazione, se si osservano le persone che hanno sempre e che non riescono ad astrarsi dal loro stato ansioso possiamo notare accentuate contrazioni muscolari in varie parti del loro corpo. Questo stato di rigidità può diventare abituale e disturbare anche il riposo. Il rilassamento mira a riportare gli impulsi nervosi all’interno della quantità critica ( lo spazio all’interno dove si svolge l’azione efficace), in modo che le azioni fluiscano in modo armonico. Il mondo in cui viviamo è anche un tutto armonico in cui ogni cosa ha un suo perché….non perdiamo il contatto con esso e lasciamoci trasportare dalle sue note colorate.

Dott.ssa Federica Protopapa

Dott. Luigi Persano