Operaio del cimitero arrestato con 77 grammi di eroina

I carabinieri della Stazione di Oria hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente Donato Zanzarelli, 36enne del luogo.
I militari hanno effettuato una perquisizione all’interno dell’abitazione del 36enne con l’ausilio del cane “ Zilo” del Nucleo Cinofili dei Carabinieri di Modugno.
Insieme all’uomo, che lavora in qualità di manutentore del verde nel cimitero di Oria, i carabinieri si sono portati nella sua abitazione dove al primo piano, nella stanza da letto all’interno di un cassetto del comò, hanno rinvenuto una vaschetta in plastica con chiusura ermetica contenente 77 grammi di eroina. Si tratta in pratica di una pietra compatta della sostanza stupefacente.
Nel prosieguo delle operazioni hanno rinvenuto un bilancino elettronico di precisione, intriso di stupefacente, due rotoli di nastro isolante nero, un coltello da cucina in acciaio e 54 bustine in cellophane monouso con chiusura ermetica, finalizzate al confezionamento delle dosi.
All’interno del portamonete dell’uomo è stata rinvenuta la somma contante di 695 euro suddivisa in banconote di vario taglio, ritenuta provento dell’illecita attività di commercializzazione della sostanza stupefacente.
La droga e il materiale rinvenuto insieme alle banconote sono stati sottoposti a sequestro.
Il 36enne tratto in arresto, è stato condotto nella casa circondariale di Brindisi, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.